Il regista Luca Martinelli (Scanzo)
B maschile Girone B

Scanzo attende la capolista Caronno nel recupero

02.03.2022 12:16

SCANZOROSCIATE - Una partita da recuperare, un big match da non sbagliare. A – 9 dal vertice occupato da Caronno, affiancato da Saronno dopo il successo pieno ottenuto ieri sera dagli “amaretti” su Yaka, Scanzo attende la capolista per “riprendersi” il #PalaDespe e tenere accesa la speranza. Giovedi alle 21 dall’altra parte della rete ci sarà la capolista Rossella Ets per il classico bivio. Alla prima sconfitta interna con Malnate, ha fatto da contraltare sabato scorso il successo esterno nel derby con Nembro mentre sabato arriverà Bresso. L’intensità del calendario è la stessa che i nostri dovranno mettere sul campo per azzannare l’avversario e dare una svolta al cammino, sul piano della classifica e anche sotto il profilo psicologico. Ci pensa il palleggiatore Luca Martinelli a suonare la carica: “Siamo al dentro o fuori – ammette - inutile girarci attorno. Con Caronno ci aspetta una bella battaglia contro un avversario forte. Dovremo essere bravi nel capitalizzare il fattore campo, punto di forza costante eccezion fatta per il passaggio a vuoto con Yaka. Essenziale spingere molto in battuta ed avere nella fase break un elemento cardine. Per vincere andranno limitati gli errori, ma dovremo essere più cinici e concreti una volta superata quota 20. Ossia ciò che ci ha fatto difetto negli altri due scontri diretti, con Saronno e Malnate”. 
I varesini (un solo ko al passivo), avversario solido e con tanta esperienza nel motore, fa leva sull’efficacia del martello Marco Schintu, sul libero Andrea Cerbo, sul grande ex Matteo Riva e sulla cerniera centrale che ha in Gianluca Piccinini la sua colonna. Coach Gandini ritrova in posto 2 Malvestiti che comporrà la diagonale con Martinelli; Gritti e Valsecchi al centro, consueto ballottaggio in banda con capitan Costa ed Innocenti favoriti mentre in seconda linea agiranno Viti e Fornesi.

I comunicati stampa a: [email protected]

Commenti

Dura lezione del Partinico alla Gupe Catania
Offanengo, parla Martina Bortolamedi: “Stabilità di gioco e gruppo amalgamato”