B1 F. Girone A: Vittoria casalinga con Genova al tie break. Primo successo stagionale

Arredo Frigo Valnegri Acqui Terme - Rimont Progetti Genova 3-2 (22/25, 25/9, 25/21, 18/25, 15/10)
Arredo Frigo Valnegri Acqui Terme: Lombardi 14, Mirabelli 20, Cattozzo 3, Bondarenko 20, Ruggiero 5, Scardigli 19, Raimondo (L), Zenullari (L), Grotteria 1, Bergese 1. N.e: Fabbrini, Fiscaletti, Tommasin. All. Marenco
Rimont Progetti Genova: Rissetto 7, Vieri 4, Romanin 1, Scarabottin 4, Poggi 6, Montedoro 21, Ghezzi (L), Truffa 2, Bulla (L), Allegri 4, Piccardi 1, Palazzi 1, N.e: Vecerina. All. Zanoni

ACQUI TERME - Missione compiuta: ciò che doveva arrivare è arrivato. Dopo cinque sconfitte consecutive è arrivato il primo successo. Cinque set combattuti ma alla fine le ragazze ci hanno creduto, sono rimaste concentrate e ce l'hanno fatta avendo avuto la meglio sulla Rimont Progetti Genova, tra le mura amiche di Mombarone, trascinate da Mirabelli e Bondarenko con 20 marcature a testa, 19 Scardigli e 14 Lombardi.  

Nel primo set dopo un doppio botta e risposta, le genovesi iniziano ad andare avanti, le termali cercano di rimanere agganciate, ma non riescono mai a riagguantare il pareggio. Sul 15/19 Lombardi, Mirabelli e Bondarenko si portano ad una sola lunghezza di distanza. Bondarenko, dopo aver fallito il punto della parità, rimedia all’errore murando siglando con un muro la marcatura che porta il risultato in equilibrio sul 20/20. Genova, però, va ancora avanti di due e, nonostante l’accorcio di Bondarenko, si porta ad una distanza dalla chiusura. Scardigli annulla il set point, poi, dopo un’ulteriore errore in battuta, le liguri chiudono. 

Il secondo set parte con tre punti di svantaggio, ma una straordinaria capitan Mirabelli in battuta spinge la rimonta e con un solo break le termali passano da 0/3 a 11/3 con ben sette marcature di Bondarenko, mandando completamente il tilt le avversarie che non si riprendono più. Acqui Terme chiude il suo monologo con ben sedici punti di vantaggio. 

Nel terzo set le termali partono motivate e prendono le distanze sin da subito, andando avanti senza particolari difficoltà sino a metà parziale quando le genovesi man mano iniziano a recuperare terreno e, da dieci punti di vantaggio sul 18/8, si ritrovano ad appena +2 sul 20/18. Capitan Mirabelli prova ad allontanarsi, ma sul 23/19 le genovesi recuperano ancora due punti. Ci pensano Lombardi ed un ace di Cattozzo a chiudere i conti. 

Nella quarta frazione, dopo una buonissima partenza con un mani out iniziale di Bondarenko e tre marcature iniziali di Lombardi, la formazione ligure si riavvicina e riagguanta la parità sul 5 pari, ribaltando poi la situazione dopo il sei pari con un break di otto punti (6/14). Le termali cercano di rimanere agganciate, ma Genova si tiene avanti. Due punti di Scardigli, due Lombardi ed uno di capitan Mirabelli riportano un po’ di entusiasmo tra le acquesi che da 12/20 si portano tre passi dietro le avversarie, ma una serie di errori, soprattutto in ricezione non lasciano scampo: Genova chiude 19/25 e porta il match al fotofinish. Nel set finale, dopo un inizio all'inseguimento, un break di Scardigli ribalta ancora tutto: da 2/ 5, Acqui si porta sull’8/5 con tre marcature di Lombardi, due di Scardigli, una di Bondarenko e una di Mirabelli. Le liguri cercano di  inseguire, ma Bondarenko tiene in piedi, poi Scardigli e Mirabelli chiudono i giochi.

“Abbiamo fatto una partita di alti e bassi, ma stavolta sono stati più gli alti che i bassi, a parte un po’ di calo nel quarto set. Siamo state brave a gestire la tensione. La speranza è che si sia sbloccato il meccanismo mentale che ci ha bloccate nelle scorse partite, perché i numeri per fare bene ci sono” dichiara coach Marenco a fine gara.

 


💬 Commenti