B1F.: Girone A: Arredo Frigo Valnegri Acqui Terme - Caselle Volley 3-0

Scritto da Redazione Pallavolo.it  | 

Arredo Frigo Valnegri Acqui Terme - Caselle Volley 3-0 (25/21, 25/11, 25/11)
Arredo Frigo Valnegri Acqui Terme: Bondarenko 11, Bergese 9, Zonta 13, Scardigli 8, Mirabelli 14, Cattozzo 1, Raimondo (L). N.e: Ruggiero, Grotteria, Fabbrini, Zenullari (L), Lombardi, Fiscaletti. All. Marenco
Caselle Volley: Garrafa 1, Gorgoni 5, Fano 5, Fragonas 8, Palumbo 3, Quilico 2, Panciroli (L) Borsero 2, Bertot 2. N.e: Rebecchi, Tessari, Nogarotto. All. Perrotta

ACQUI TERME - La parola d’ordine era una sola e così è stato. L’Arredo Figo Valnegri, vince, anzi, stravince contro Caselle, recuperando tre dei quattro punti che le separavano. Dopo un primo set più combattuto, ma comunque ben gestito nei momenti cruciali, nel secondo e terzo non c'è stata storia. La "cura" Zonta ha funzionato: per l'opposta livornese ritornata ad Acqui per aiutare a risollevare la squadra, dopo otto anni in cui ha macinato una grande esperienza tra B1 e A2, 13 punti, uno in meno della sua compagna ritrovata capitan Francesca Mirabelli, top scorer, e tre errori soltanto. Una buona prestazione non solo sua ma di tutto il gruppo.

La gara parte con un doppio botta e risposta, poi capitan Mirabelli riesce ad avanzare di tre passi, ma le torinesi colmano immediatamente il gap, andando in pari e scavalcando di un punto. La capitana acquese rimette in pari poi Caselle va sul 6/9, ma Bondarenko aggiusta tutto e Bergese passa sopra. La gara è un’altalena continua sino al 18 pari quando Bondarenko riesce nel doppio sorpasso. Caselle cerca di rimanere agganciata a suon di botta e risposta, ma sul 23/21 un colpo di Mirabelli e un ace di Bergese chiudono il tempo. Nella seconda frazione le termali ingranano subito andando sei passi avanti con Bergese, autrice di un colpo e due ace, un muro di Zonta e due errori avversari. Le avversarie, subito in difficoltà, non riescono più a rimettersi in corsa, mentre le termali aumentano man mano le distanze, mantenendo il controllo e il dominio della situazione sino alla fine quanto Scardigli, Zonta e Mirabelli chiudono definitivamente i conti con ben quattordici punti di distanza. Il terzo set parte con un poker acquese: muro di Bergese, Mirabelli, Scardigli e Bondarenko. Sul 6/3, l’Arredo Frigo Valnegri trova un’altra serie positiva con Scardigli al servizio e marcature di Mirabelli e Bondarenko che porta il vantaggio a +7. La gara, poi, si fa un monologo: Acqui cavalca e con un ace di Zonta ed un muro di Bergese i conti si chiudono col medesimo punteggio del precedente parziale.

Abbiamo deciso di tornare sul mercato e di ingaggiare una giocatrice d’esperienza e che conoscesse già l’ambiente. Oggi Irene ha fatto una buona partita e ha sbagliato pochissimo. La situazione è ancora dura, ma questa vittoria è molto importante per il morale. Dopo un primo set un po’ più combattuto, abbiamo dominato. Rispetto ad altre gare si è vista la differenza. Prima della partita ho detto alle ragazze che siamo di fronte ad un bivio. Dobbiamo continuare a migliorare, ma se continuiamo come oggi possiamo farcela” ha dichiarato patron Valnegri a fine gara

Coach Ivano Marenco, invece, ha così commentato la prestazione delle sue ragazze: “Abbiamo fatto quello che dovevamo fare. È un primo passo, non dobbiamo cantare vittoria ma dobbiamo continuare a tenere premuto l’acceleratore, con umiltà, consci che abbiamo tutto il girone di ritorno più il recupero per reinquadrare un girone di andata al di sotto delle aspettative. Già dalla scorsa partita con Parella si sono visti cenni di miglioramento, stasera ho visto cose ben fatte”

Fondamentale sarà il prossimo turno: le ragazze di Ivano Marenco recupereranno la la gara delle seconda giornata non disputata contro Igor Trecate, adesso a sette punti in classifica mentre tutte le altre squadre saranno ferme per la sosta tra andata e ritorno. Una vittoria porterebbe al sorpasso di Caselle, attualmente con una lunghezza in più in classifica e ad agguantare la quart'ultima Genova, a quota dieci.


💬 Commenti