L'abbraccio delle ragazze dell'Aduna Padova
B1 femminile Girone C

Alia Aduna, ancora tre punti per mantenere aperte le speranze

24.04.2022 17:50

ALIA ADUNA PADOVA WOMEN-CORTINA EXPRESS IMOCO SAN DONÀ 3-0
ALIA ADUNA: Celegato 6, Grandis (L); Grazia ne, Blaseotto 9, Cavalera (L), Varagnolo ne, Miecchi ne, Avanzo 13, Tiozzo ne, Boscolo 4, Bisio 16, Colombano 4. All. Amaducci.
SAN DONÀ: Bagnoli, Soffiato 6, Venturi ne, Giacomello ne, Adigwe 9, Visentin (L), Lanza, Trampus 13, Munarini ne, Viola (L) ne, Stellati 1, Alessi, Guzin 10, Marchetto 1. All. Gregoris.
Parziali: 25-22 (26’), 25-20 (25’), 25-16 (22’).
Arbitri: Scognamiglio e Tundo.
Note. Aduna: battute punto 5, sbagliate 6, muri punto 8, errori 18, 39% att., 53% ric. San Donà: bp 2, bs 10, mp 5, e 23, 33% att., 43% ric.

PADOVA - Altri tre punti per un’ultima giornata tutta a giocare: l’Alia Aduna centra l’obiettivo anche con il Cortina Express San Donà e si lascia aperte le speranze per la sfida finale a Porto Mantovano tra sette giorni, quando in contemporanea si sfideranno Conegliano (tre punti avanti) e Udine (a due lunghezze). Con una vittoria le padovane sarebbero così certe dei play out.
La squadra di Lorenzo Amaducci gioca una partita coraggiosa e determinata, a tratti anche nervosa, ma riesce a ritrovarsi sempre anche nei momenti più complicati grazie alla battuta e alla difesa. 
LA PARTITA - L’avvio di primo set è particolarmente equilibrato (7-7), con San Donà che prova il primo break (11-8) fermato da un muro di Bisio (11-9). L’Alia Aduna però commette qualche errore e Amaducci è costretto a chiamare time out sul 16-11 per le ospiti. Colombano in battuta con un ace e un “mezzo ace” accorcia le distanze (18-16), poi Avanzo avvicina ulteriormente Padova (19-18) e un errore di San Donà pareggia i conti per la volata finale (20-20). Nel finale Celegato guadagna in fast la palla set che poi Avanzo firma dai nove metri (25-22).
Nel secondo set parte forte San Donà (5-1), ma l’Alia Aduna ricuce immediatamente con Blaseotto, Celegato e un ace di Bisio (6-6). Un paio di azioni contestate e le ospiti sono ancora avanti (14-11), ma l’Alia resta in scia (15-14 su un fallo di posizione avversario) e pareggia 16-16 con l’ace di Bisio. Il muro di Boscolo dà alle padrone di casa il primo vantaggio del set (19-18) che apre la strada a un altro finale punto a punto. Bisio firma il 23-20 Alia in attacco e il set ball a muro, con l’errore ospite che manda le padrone di casa sul 2-0.
Punto a punto anche l’avvio di terzo parziale (4-4), con l’Alia che al termine di una lunga e spettacolare azione va sul 6-4 e allunga ulteriormente con Boscolo a muro (7-4). Bisio firma due attacchi consecutivi per il 12-6. L’Alia mantiene il vantaggio (muro di Boscolo per il 18-12) e allunga 19-12 ancora con Bisio e sul 20-12 con un altro ace di Colombano. Alla fine è Avanzo a firmare la palla che vale il match. 
“In queste partite ci stiamo giocando il tutto per tutto – commenta Amaducci a fine gara – Ci servono i punti e siamo riusciti a farli con una discreta prestazione. San Donà si è dimostrata una squadra forte, anche se mancava qualche elemento. Ogni volta che mostrano una nuova giocatrice però è sempre forte. Bravi loro. Adesso abbiamo il dovere di provarci fino in fondo anche nell’ultima gara a Porto Mantovano, guardando anche agli altri risultati. Il nostro però lo stiamo facendo”.

I comunicati stampa a: [email protected]

Commenti

Prato, i tre punti sono di Civita. I laziali impongono la loro voglia di play off
Ama San Martino, gran colpo contro la capolista Mirandola