B M. Girone D: Treviso, la rimonta perfetta. 3-2 sull'ACV Miners

ACV MINERS TN - VOLLEY TREVISO 2-3 (25-18, 25-22, 27-29, 16-25, 14-16)                               
ACV Miners: Ravanelli 5, Toselli 0, Braito 19, Roncari 1, Simoni 14, Miah 0, Weiss 6, Pietroni 2, Frizzera 19, Ferrari (L), Raffaelli (L), Comper ne, Lunelli ne, Nardelli 1. All: Taborda.
Volley Treviso: Agapitos 17, Hristov 16, Barbon 18, Sicco 4, Zorzi (L), Mazzocca 0, Filippelli 7, Cortesia 0, Murabito 7, Ravagnan ne, Lazzaron 4, Menegazzo ne, Mondin(L).  All. Zanin.
Durata set: 23, 30, 32, 23, 19, totale 2 ore e 7 minuti
Arbitri: Verena PRENNER di BZ e Maurizio GHIRARDINI di BZ
Miners: b.s. 19, ace 9, m. 6, err 37
Volley Treviso: battute sbagliate 19, ace 8, muri 13, errori 40

TREVISO - La serie B orogranata porta a casa una liberatoria vittoria al tie-break contro l’ACV Miners nel sesto turno di campionato, giocato sabato 12 novembre a Trento. Contro i Miners gli orogranata partono sotto di due set a zero, ma non si perdono d’animo e completano la rimonta perfetta andando a vincere al tie-break 16-14, risultando più ordinati e meno fallosi nei finali della terza e quinta ripresa. Cinque set nei quali si sono visti buoni sprazzi di gioco alternati ai normali momenti di difficoltà, specialmente quando la battuta dei padroni di casa è riuscita a fare breccia nella linea di ricezione trevigiana e quando l’attacco ha perso in efficienza; ma dal terzo set in poi il rendimento ha iniziato a farsi più costante, inducendo spesso i trentini all'errore. Ancora una volta il muro ha fatto da ago della bilancia, con 13 punti di Treviso contro i 6 dei Miners, e anche l’attacco ha funzionato meglio nella seconda parte del match: nessun errore nel terzo tocco e solo tre murate subite tra quarto e quinto set. Due punti che portano Treviso in settima posizione con 8 punti, in attesa della gara tra Cordenons e Portogruaro di domenica pomeriggio.

LA PARTITA 
Nel primo set Zanin schiera Barbon opposto a Lazzaron (Pozzebon fuori per un infortunio alla caviglia subito venerdì), Murabito e Filippelli al centro, Agapitos e Hristov schiacciatori, Zorzi libero. L’inizio è caratterizzato dalla forte aggressività dei trentini che senza curarsi degli errori forzano subito al servizio, rendendo difficile agli orogranata finalizzare il cambio palla. Saranno infatti sei gli errori in attacco dei trevigiani nel set. I Miners invece procedono spediti e vanno a chiudere il set 25-18.

Anche nel secondo Treviso fatica a carburare, partendo sotto di qualche punto (8-5). I trentini continuano a centellinare gli errori e a fare il proprio gioco, la difesa trevigiana è ancora in fase di studio e solo gli ace di Sicco e Hristo fanno sperare in una rimonta (14-8). Pian piano Treviso ingrana e con un lungo turno in battuta di Filippelli accorcia (18-16), poi i muri di Lazzaron e Murabito completano la rimonta (20-20). Il finale di set però è dei padroni di casa che chiudono 25-22.

Buona partenza dei trevigiani nel terzo parziale (avanti 12-11), vanificata però da un paio di incomprensioni in ricezione che fanno scappare i Miners (15-13). La situazione non cambia fino ai due contrattacchi vincenti di Agapitos e Barbon che portano al 20 pari; Treviso si conquista il primo set point (24-23). Saranno due errori dei trentini e i muri di Murabito e Barbon a chiudere il set sul 29-27.

Dal quarto Treviso sembra aver trovato il ritmo: aggressivo dai nove metri e in fiducia in attacco, va a prendersi il set approfittando anche del passaggio a vuoto in casa Miners, in difficoltà nell’andare a segno in attacco. I trevigiani vanno in vantaggio 16-10 e chiudono a 25-16. 

Il tie-break è equilibrato: al cambio di campo i padroni di casa conducono 8-7, complici anche i due errori consecutivi al servizio di Treviso. Si continua punto a punto, un’azione rocambolesca viene chiusa da Barbon in contrattacco (12-12) e Hristov mura per il 13-12. L’errore in attacco dei trentini e l’ennesimo muro dei trevigiani chiude il match 16-14. 


💬 Commenti