B1 femminile Girone E

B1 F girone E: Roster completato per il Volley Melendugno. Le parole di Ilaria Maruotti

20.08.2022 09:25

Con il sensazionale ingaggio di Ilaria Maruotti si chiude il roster del Volley Melendugno. 

Le parole della schiacciatrice romana, nella scorsa stagione in A2 ad Olbia:

“Melendugno mi ha incuriosito subito con una proposta talmente interessante che era impossibile da lasciar andare. A 28 anni attaccarsi a nuovi stimoli fa sempre piacere. Quando mi è stato proposto di far parte della stessa squadra di Napolitano, Caracuta e Stival, ho pensato che un’occasione del genere non mi sarebbe mai più ricapitata. In particolare è raro essere compagne di una palleggiatrice così d’esperienza come Valeria”.

“La prima volta che ho incontrato coach Napolitano è stata dieci anni fa, il mio primo anno di Serie A1, quindi ho sempre sentito parlare di lui e finalmente stavolta è diventato il mio allenatore. Per me è un tecnico tutto da scoprire, ci ho soltanto giocato contro, forse è più lui che conosce me che il contrario”.

Nello stesso girone di Melendugno c’è anche il Volleyrò, società in cui sei cresciuta. Come affronterai questa sfida?

“È la prima cosa a cui ho fatto caso, nella società del Volleyrò sono cambiate tante cose in questi anni, ma anche solo rientrare nella stessa palestra o percorrere la stessa strada che ho visto per tanto tempo sarà emozionante, quei 6 anni non si dimenticano”.

Dopo Valeria Caracuta sarai la giocatrice più esperta di Melendugno, cosa ne pensi di questo mix tra giovani e atlete più navigate?

“Ci sono ragazze giovani che sanno dire la loro, sono molto volenterose e hanno preso seriamente in considerazione un progetto così importante. Non è da tutti, perché magari a una certa età non si vogliono prendere responsabilità tanto grandi: poi il fatto che vogliano affidarsi a noi più esperte è un’ulteriore responsabilità. Fa molto piacere che ci sia questa fiducia nei nostri confronti. Tutte le ragazze sono già concentrate sull’obiettivo promozione, forse dire che si è a metà dell’opera è troppo ma quasi ci siamo”.

L’obiettivo della Narconon è l’A2, una serie che conosci molto bene. Come si conquista?

“In realtà non credo di conoscere la risposta, finora non mi è mai capitato di conquistare l’A2, ma soltanto di giocarla. Sicuramente ci sarà da impegnarsi ai massimi livelli, cioè lavorare non come se fossimo in B1 ma cercare di superare sempre i nostri limiti. Questo è un consiglio che posso dare alle più giovani, per me questo è stato un atteggiamento di routine che porta a migliorarsi sempre di più. Se punti al massimo, le soddisfazioni sono una conseguenza che ti sei guadagnato. Formule magiche non ne esistono, ma più si suda sul campo e prima si possono raggiungere i risultati”.

I comunicati stampa a: [email protected]

Commenti

BM girone C: San Martino, al via la preparazione con tante novità
B1 f. Girone D: Elettromeccanica Angelini Cesena al via