B maschile Girone B

Volley Treviso, vittoria che vale il quarto posto finale

Trasferta vittoriosa a Trieste per i ragazzi di Zanin

01.05.2022 16:13

CUS TRIESTE - VOLLEY TREVISO 1-3 (19-25, 25-22, 18-25, 20-25)                                         
VOLLEY TREVISO: De Col 5, Barbon 21, Milanese 1, Puppato 2, Michielan (L), Favaro 2, Filippelli 7, Cunial 9, Lazzaron 0, Murabito 1, Mazzon 6, Mazzocca ne, Amarilli (L).  All. Zanin.
CUS TRIESTE: Vattovaz 14, Princi 2, Berti ne, Michelon 0, Improta ne, Vecellio 5, Dose (L), D’Orlando ne, Blasi ne, Gnani 1, Allesch 15, Gambardella 7, Sartori 9. All: Cuturic
Durata set: 25, 29, 27, 26 totale 1 ora e 47 minuti
Arbitri: Omar FABIANI di UD e Luca RENZULLI di UD
Volley Treviso: battute sbagliate 17, ace 7, muri 10, errori 29
CUS TRIESTE: b.s. 25, ace 5, m. 4, err 43

TREVISO - Volley Treviso conclude a testa alta il campionato di serie B, battendo nell’ultima e più lunga trasferta della stagione il CUS Trieste. La vittoria sancisce il quarto posto finale dei trevigiani, che sarebbe arrivato comunque grazie alla sconfitta della concorrente Cornedo contro il Portogruaro. Ma la soddisfazione di averlo potuto raggiungere solo con le proprie forze in una stagione come quella degli orogranata è tanta, anche se la posizione non dà accesso ai play-off. I trevigiani partono bene, vincendo senza problemi il primo parziale, ma perdono il controllo nel secondo riuscendo a riprendere il ritmo solo quando è troppo tardi. Nel terzo e nel quarto i ragazzi di Zanin riprendono le redini del gioco, rimanendo quasi sempre in vantaggio e approfittando dei momenti di black-out in campo avversario, specialmente nei finali di set. A fare la differenza spesso e volentieri il muro: 10 i punti nel fondamentale contro i 4 dei padroni di casa. Il focus adesso per gli orogranata è sul campionato U19. Già oggi, domenica, si gioca l’andata della semifinale regionale a Bassano.
LA PARTITA - Dopo i primi scambi Treviso mette la freccia e su un turno in battuta di Puppato va avanti 11-8; Filippelli a muro allunga ulteriormente e Trieste chiede il time-out sul 13-9. I padroni di casa alternano qualche buon cambiopalla a diversi errori ed è 16-12 Treviso. Un muro su pipe e un contrattacco dei triestini riportano equilibrio e Zanin ferma il gioco (16-14), ma la situazione rientra immediatamente, soprattutto grazie a qualche imprecisione dei triestini. Gli orogranata chiudono il set su errore al servizio degli avversari (25-19).
Parti invertite nel secondo parziale: Trieste fa rientrare le situazioni di errore, Treviso invece è impreciso e spreca un po’ troppo (14-9). Zanin ferma il gioco ma l’andamento non varia: la ricezione fatica e i suoi non riescono a ricucire. Dal canto suo Trieste sale di livello in ricezione e varia il cambiopalla, amministrando il vantaggio (23-16). I muri di Mazzon e di Barbon (24-20) e poi i due ace di quest’ultimo arrivano troppo tardi: una ricostruzione imprecisa dei trevigiani consegna il set a Trieste (25-22).
Gli orogranata ripartono bene, andando subito sull’8-5 con un attacco di Barbon. Ed è ancora Barbon a interrompere una pericolosa striscia positiva dei triestini con un attacco e un servizio insidioso, poi finalizzato da Cunial (13-10). De Col mette fine con un muro a uno scambio interminabile (16-14). Si gioca punto a punto, Mazzon spinge un pallonetto di seconda per il 20-17. Con il turno in battuta di Barbon Treviso fa l’allungo finale (24-17), poi Trieste sbaglia il servizio ed è 25-18.
Botta e risposta per tutta la prima parte del quarto set, con Treviso che raggiunge l’8 per primo con Favaro da 4 (8-7); ancora Favaro firma il 10-9 a muro. Trieste ripassa in vantaggio con un servizio float che va a cogliere in fallo la ricezione trevigiana (14-13). Il set continua in equilibrio, Treviso tocca per primo il 20 con il contrasto a muro vinto da Mazzon (20-19). Mini break con il muro di De Col (22-20), poi c’è il fallo a rete triestino. Mazzon coglie un ace aiutato dal net (24-20). Ancora la sua battuta propizia il contrattacco di De Col in primo tempo che va a segno (25-20).

I comunicati stampa a: [email protected]

Commenti

Chiusura di carattere per Palermo che vince sul campo del Siracusa
L'Elettromeccanica Angelini Cesena sconfitta a Reggio Emilia