B1 Femminile

Alia Aduna Padova Women, una stagione di crescita per confermare la B1

27.05.2022 21:30

PADOVA - Passata l’adrenalina di una finale di campionato al dir poco entusiasmante, che ha visto l’Alia Aduna Padova Women raggiungere una salvezza che un paio di mesi prima sembrava un miraggio, è ora possibile riflettere sull’andamento del torneo per coach Lorenzo Amaducci
“Sicuramente non si pensava che succedesse così, ma l’obiettivo stagionale è stato raggiunto – conferma il tecnico – Siamo riusciti a confermare la B1, anche se con qualche vicissitudine in più rispetto al  previsto, e questo è un traguardo importante”. 

La serie di vittorie consecutive che ha portato ai play out salvezza, con la doppia sfida vinta su Conegliano, ha per l’appunto rovesciato l’inerzia di un campionato che ha avuto anche dei momenti difficili: “Abbiamo fatto sette risultati utili nelle ultime nove partite – commenta AmaducciSicuramente questa è stata una bella risposta da parte di tutte le giocatrici. La squadra ha avuto degli alti e bassi durante il campionato a livello di risultati, ma ci siamo sempre stati. Dopo due ottime partite a inizio campionato c’è stata una fase in cui, pur allenandoci bene, i risultati non arrivavano, non solo per questioni tecniche. Questa è la cosa peggiore, perché lavori bene durante la settimana ma poi in partita non arriva quello che speri. Però il gruppo, che era decisamente rinnovato, ha affrontato il suo percorso di crescita che ci ha portati a disputare un ottimo finale. Posso essere soddisfatto del lavoro che abbiamo fatto”. 

A livello tecnico, nel complesso che B1 è stata questa edizione 2020-2021?
“Penso che il girone fosse di livello medio alto. Non c’è stata una squadra che ha ammazzato il campionato, le prime tre erano più forti, ma ci si poteva giocare. Dietro però il livello era alto: basti pensare che ci siamo salvati ai play out vincendo comunque undici partite su ventidue. Davvero si poteva vincere o perdere con tutte, o quasi”. 
Cosa rimane per questo gruppo dell’esperienza del campionato appena terminato?
“Due cose secondo me: da un lato la disponibilità delle atlete con più esperienza di mettersi a disposizione di chi era più nuova della categoria, dall’altro la voglia delle atlete giovani di imparare e a rendersi utili in un contesto nuovo”. 
 

I comunicati stampa a: [email protected]

Commenti

Scanzorosciate, serve un ribaltone per la A3. Costa: "Trasformiamo il sogno in realtà"
Finals U19 M: Tutti i risultati della fase di qualificazione. Le 8 big ai Quarti