B maschile Girone F

San Giustino maiuscola! 3-1 nella scontro diretto al vertice con l'Arno Volley Castelfranco

Conquistati i play off e il primo posto finale del girone. 17esima vittoria consecutiva

24.04.2022 02:03

ERMGROUP SAN GIUSTINO – IMBALLPLAST ARNO 1967 CASTELFRANCO  3-1 (25-18, 25-18, 21-25, 25-23)
ERMGROUP SAN GIUSTINO: Cesaroni 3, Marra (L1) ricez. 62%, Daniel, Sitti 3, Conti 15, Sideri 10, Skuodis 11, Cioffi 1, Stoppelli 8, Muscarà 2, Cipriani 6. Non entrato: Ricci (L2). All. Marco Bartolini e Mirko Monaldi.
IMBALLPLAST ARNO VOLLEY 1967: Testagrossa 8, Samminiatesi 11, Berberi 1, Nicotra 17, Taliani (L1) ricez. 50%, Da Prato 16, Ammannati, Cantini, Puccetti 1, Falaschi 11. Non entrati: Aliberti (L2), Carrai, Puente Moja. All. Francesco Mattioli
Arbitri:  Di Lorenzo e  Erman. 
Durata set: 27’, 27’, 28’ e 32’, per un totale di un’ora e 54’.
SAN GIUSTINO: battute sbagliate 12, ace 5, muri 6, ricezione 51% (perfetta 21%), attacco 49%, errori 23.
CASTELFRANCO DI SOTTO: battute sbagliate 22, ace 6, muri 5, ricezione 48% (perfetta 15%), attacco 48%, errori 40.

SAN GIUSTINO - Missione compiuta. La ErmGroup San Giustino mette al sicuro qualificazione ai play-off e primo posto nel girone F della Serie B maschile aggiudicandosi i primi due set, poi un minimo di rilassamento (con i cambi in formazione operati dal tecnico Marco Bartolini) favorisce il ritorno dell’Imballplast Arno Volley di Castelfranco di Sotto e nel quarto set la squadra di coach Marco Bartolini legittima la sua supremazia chiudendo sul 3-1 l’incontro e conquistando la 17esima vittoria consecutiva, nonché 19esima su 21 gare. 
I biancazzurri portano così a coronamento una fuga in testa alla classifica durata diversi mesi e all’appuntamento più importante della stagione – quello dello scontro al vertice da non fallire - si sono fatti trovare pronti e più reattivi degli avversari, messi alle corde fin da subito con l’efficacia in battuta e con difesa e muro che hanno funzionato al momento giusto. Ricezione non pulita e palle alte hanno finito con il penalizzare un Castelfranco che non ha saputo reagire alla determinazione dei locali, quasi come se fosse condizionato dall’importanza dell’incontro, nonostante un Nicotra (16 punti) più tonico degli altri. Positiva anche nell’approccio, quindi, la prestazione della ErmGroup: a livello individuale, 15 punti di Conti, 11 di Skuodis e 10 di Sideri, che ha disputato la seconda metà del match; citazione doverosa anche per il palleggiatore Sitti, lucido nella distribuzione.

SESTETTI - Francesco Mattioli, tornato da ex in panchina a San Giustino dopo che nove anni fa era stato protagonista sul campo con la Vivi Altotevere in A1, schiera la diagonale Berbelli-Da Prato, Testagrossa e Samminiatesi al centro, Nicotra e Ammannati a lato e Taliani libero. Formazione base per il collega Marco Bartolini, con Sitti in regia, Cipriani opposto, Muscarà e Stoppelli centrali, Conti e Skuodis alla banda e Marra libero. 

LA PARTITA - A parte l’ace iniziale di Nicotra, è San Giustino a menare le danze con un ottimo servizio e con gli errori dei vari Da Prato e Ammannati che contribuiscono a scavare un divario consistente fin dall’inizio; la ErmGroup va ben presto sul 10-3 e a quel punto comincia a gestire la situazione con i cambi palla e con punti importanti di Conti, Cipriani e Skuodis, mentre Falaschi prende il posto di Ammannati a lato e si dimostra più in palla del collega di ruolo. L’Arno Volley prova a ridurre le distanze senza mai avvicinarsi pericolosamente; anzi, nel finale – grazie anche all’ace a nastro di Cioffi – il vantaggio arriva a un massimo di +9 (22-13) con il solito Nicotra che tenta di rintuzzare e Da Prato che si accende solo a sprazzi. Si ferma sul 17-23 il Castelfranco, perché un tocco sulla schiacciata di Conti e il fallo in battuta di Da Prato, che pesta la linea in battuta, pongono fine al set con parziale di 25-18. 

Falaschi rimane in campo per l’Arno Volley, ma la musica non sembra cambiare: anche in apertura di seconda frazione, la ErmGroup opera lo strappo fino al 7-3, momento nel quale tuttavia i pisani si ricompongono in difesa e anche i colpi di Da Prato (16 punti in tutto per lui) cominciano ad andare a segno, non dimenticando la precisione di Testagrossa e Samminiatesi sui primi tempi. Sta di fatto che il gap viene quasi colmato sul 7-8 e sulla free ball di Falaschi, ben preparata da una potente battuta di Nicotra, la rincorsa è coronata sul 9-9. Conti permette ai padroni di casa di rimettere il naso avanti, fino a quando un primo tempo vincente di Testagrossa non ribalta la situazione sul 12-11 per i toscani, che adesso fanno la voce grossa anche dai nove metri e tengono un minimo vantaggio che tuttavia si ferma sul 15 pari: Cioffi va in battuta e Stoppelli piazza due muri fondamentali su Nicotra e Da Prato per il 17-15 della ErmGroup, che orienta definitivamente l’ago della bilancia dalla sua parte. È avanti 19-17 quando Sideri rileva Skuodis e il sardo va subito a bloccare a muro Da Prato, poi anche Testagrossa subisce lo stesso trattamento: grazie dunque a questo fondamentale, matura il 22-17 che accompagna San Giustino verso il traguardo agognato. Sideri vanifica il tentativo del muro bianco-verde-nero e sul 24-18 è Conti in pipe a concretizzare un buon lavoro della difesa, apponendo il sigillo che vale il 2-0 e la matematica certezza di play-off e primo posto.

Terzo set con Sideri confermato a lato e con Cesaroni che rileva Muscarà al centro; il Castelfranco sa che un 3-2 è comunque ancora alla sua portata e in effetti si presenta tonico anch’esso a muro con Nicotra. Va sul 4-2 poi subisce il pareggio sull’ace di Stoppelli, ma non demorde e si riprende il vantaggio facendo leva anche sulla battuta. San Giustino rimane sostanzialmente attaccato a un Arno Volley che tuttavia fa suoi i cambi palla con i due centrali sempre pungenti e non abbassa la guardia; l’ace a fondo campo del nuovo entrato Puccetti è quello del 19-16 per la compagine di Mattioli, che sale immediatamente a 20 sul lungo assist per Cipriani, impossibilitato a evitare l’invasione. Lo stesso Cipriani è protagonista del contrattacco che rimette apprensione fra gli ospiti, avanti ora solo di uno (20-19) e richiamati dal time-out del loro tecnico che sortisce effetti salutari: il primo tempo di Samminiatesi e il mani fuori in contrattacco di Falaschi ristabiliscono le tre lunghezze (23-20), poi Nicotra realizza l’ace con la complicità del nastro e la battuta lunga di Cipriani consegna il 25-21 al Castelfranco di Sotto.

Nuovo rimpasto del 6+1 operato da Bartolini nel quarto set: Conti e Skuodis alla banda, Sideri opposto e Cesaroni confermato al centro. San Giustino va avanti a piccoli strappi (massimo due lunghezze di margine) e gli ospiti recuperano. Punto a punto fino al 13-11 per Marra e compagni sul primo tempo out di Samminiatesi ed ErmGroup che tiene il +2 grazie a Stoppelli, ma Castelfranco è sempre lì e ribatte colpo su colpo, come sul mani fuori del 19-19 trovato da Samminiatesi e sul contrattacco di Nicotra che vale il 20esimo punto; ora è la ErmGroup a dover recuperare e ci riesce con il piccolo break concretizzato da una bella diagonale di Sideri per il 22-21. Falaschi risponde, Skuodis firma il punto numero 23 e propizia il 24esimo con una battuta potente, che diventa un invito a nozze per lo slash di Cesaroni sulla ricezione lunga dei toscani. Ultimo time-out e contrattacco finale di Rinaldo Conti da posto 2, con la palla che attraversa il nastro e cade sul campo avversario per il 25-23 che chiude la partita. Grande festa dei sangiustinesi in campo e brindisi finale per il primo posto assicurato. Ora ci sarà la trasferta finale di Civita Castellana e poi si conoscerà il nome dell’avversaria nel primo turno degli spareggi: è una questione fra Querzoli Forlì e Viadana, che si affronteranno sabato prossimo. I romagnoli sono a -3 dai lombardi, ma con un colpo da 3 punti si prenderebbero la qualificazione per il maggior numero di vittorie complessive. In tutti gli altri casi, sarà il Viadana a passare.

Anche Marco Bartolini non si sottrae al brindisi, poi commenta: “Avevo detto che dovevamo pensare a noi – commenta l’allenatore della ErmGroup - e siamo scesi in campo fin da subito con il giusto atteggiamento, ossia concentrati e con l’intento di raggiungere dritti l’obiettivo, il che ci ha consentito di archiviare brillantemente la pratica contro un’avversaria molto forte. Poi, con la qualificazione già in tasca, ho fatto qualche esperimento che potrebbe tornare utile più avanti. Debbo solo ringraziare i ragazzi per l’impresa che hanno fatto, in attesa del primo scontro diretto dei play-off”.

I comunicati stampa a: [email protected]

Commenti

Zero5 Castellana Grotte, la soluzione del giallo (della retrocessione) all'ultima puntata
"Lupe", che orgoglio: il Chions la spunta solo al tie-break